Matt Haigh: Gli umani


Gli umaniUna copertina di colore blu, punteggiata da puntini bianchi che richiamano l’immagine di un cielo notturno e stellato. Un cane che sembra essere fermo in un prato e volgere lo sguardo in alto, verso quel ben delineato baffo di colore che ha l’aria di essere una stella cadente.

Mi ha colpito questa illustrazione e così, tra le interessanti copertine impilate ordinatamente l’una accanto all’altra, ho deciso di scegliere come lettura Gli Umani.

Non sapevo precisamente quale testo avessi tra le mani, poteva trattarsi di un romanzo o di un saggio relativo all’essere umano e il titolo mi spingeva verso la seconda ipotesi. Ho letto la retro copertina e ho pensato: “Qui l’unica cosa è iniziare a leggere”.

Una storia semplice e curiosa: un alieno giunge sulla Terra, assume le sembianze del professor Martin e la sua missione è di eliminare chiunque sia venuto a conoscenza delle sue scoperte.

Una narrazione scorrevole, piacevole e una lettura molto veloce. Poi, pagina dopo pagina, si schiude il segreto delle parole coordinate a scrivere un romanzo di fantasia, ma pronte a svelare anche sorprese che non sono immediate e scontate. Sono molto di più: il frutto dell’interpretazione che ogni lettore può dare.

Le disavventure e, al tempo stesso, avventure di questo professore alieno, sterile nei sentimenti, intimorito dal calore che avvolge la vita umana e concentrato sull’obiettivo della sua missione, ecco, pian piano diventano vive. Gli intervalli durante i quali dialoga con i mandanti della missione, perdono gradatamente incisività sino a divenire solo lontane parole: il professor Martin decide di restare sulla terra, rinunciare ai suoi poteri speciali e diventare umano, provare emozioni, siano queste positive o negative ma pur sempre vive e calde.

Pagina dopo pagina, i personaggi si uniscono l’uno all’altro attraverso un filo sottile che si chiama emozione: Isobel e Gulliver, rispettivamente moglie e figlio del professore, dapprima sono sullo sfondo della scena, puro centro del mirino delle azioni di Martin.

Poi, lo sfondo si avvicina ed ecco che interagiscono in maniera molto diretta, aperta e sono loro a fare centro nel cuore dell’alieno. Ad accompagnare tutta la narrazione c’è un personaggio che rimane fedele al suo comportamento: è Newton, il cagnolino del professore. È un protagonista passivo e lo definisco così perché è lì, fedele, anziano ma attento a osservare le vicende. Mi piace vederlo come personificazione della saggezza che, con il passare del tempo, influenza silenziosamente la vita e offre una nuova visione degli eventi. E quale interpretazione do al professore Martin alieno che poi diventa umano?

Credo sia l’atavico fascino della vita: provare delle emozioni, a volte belle, a volte un po’ sofferenti ma che hanno il grande potere di renderci semplicemente vivi, umani.

Buona lettura…

Francesca Girardi -

Mi presento a tutti voi: sono Francesca Girardi e ho 34 anni.

La mia vita è sempre stata colma di cambiamenti: sono nata a Roma dove ho trascorso la maggior parte dell’ infanzia,  poi le vicissitudini della vita mi hanno portato a conoscere  un po’ di Irlanda approfondendo così la conoscenza della lingua inglese per poi arrivare  in Trentino dove il mio cuore ha trovato dimora.

Le novità non mi spaventano e nella vita mi piace esplorare, non dare mai nulla per scontato e andare alla scoperta delle sorprese presenti sulla mia strada.

Laureata in lettere, ho scoperto la passione per la scrittura un po’ per volta. Quando ero piccola il foglio bianco non era proprio il mio compagno preferito ma crescendo e maturando, ho imparato ad amarlo.

Oggi, quando mi ritrovo a scrivere mi sento libera di esprimere le idee, i pensieri e poco importa se scrivo per me o per gli altri: l’importante è tradurre in parole le emozioni.

E la soddisfazione maggiore è quando attraverso le parole, riesco a far emozionare gli altri…

 

Piccoli traguardi raggiunti:

  • Partecipazione alla seconda edizione del concorso letterario Logos, casa editrice Giulio Perrone, con la poesia Condivisione, inserita nell’antologia.
  • Partecipazione alla X edizione Premio Città di Colonna “La Tridacna” con la poesia La sabbia del tempo, inserita nell’antologia.
Leggi tutto >>

Articoli correlati:


Più articoli di questo autore

Il tesoro tra le maniIl tesoro tra le mani
Come faremmo senza i libri? Che sono una sorta di...
Leggi tutto >>
A teatro con Bertolt BrechtA teatro con Bertolt Brecht
  La rappresentazione teatrale diventa il luogo in cui si impara...
Leggi tutto >>
Performance in cittàPerformance in città
“Ogni osservazione è partecipazione e ogni partecipazione è creazione” (R. Schechner)   Questa...
Leggi tutto >>
ViaggioViaggio
VIAGGIO. Una parola usata di frequente e all’apparenza uguale per...
Leggi tutto >>

I nostri redattori e collaboratori:

Immacolata Iavazzo nasce trenta anni fa in provincia di Caserta. Giornalista freelance. Collabora per...Read more >>
Sono nata in provincia di Napoli dove vivo tuttora. Ho conseguito una laurea triennale in Economia Aziendale....Read more >>
Jessica Ferro è nata a Foligno nel 1981 e risiede a Perugia, dove nel 2008 si è laureata in Tecnica Pubblicitaria...Read more >>
Pia Elena nasce nel 1991 e trascorre la sua infanzia in una piccola cittadina della Basilicata, regione...Read more >>
Jacopo Granci, Città di Castello 1984. Dottorando all'Università di Montpellier con una tesi sul movimento...Read more >>
View all authors

Seguici su Facebook